L’ex Dg della Sanità lombarda, Luigi Cajazzo, ascoltato dagli inquirenti, fornisce ogni chiarimento utile alla ricostruzione dei fatti
16891
post-template-default,single,single-post,postid-16891,single-format-standard,bridge-core-2.3.4,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-22.0,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-15713

L’ex Dg della Sanità lombarda, Luigi Cajazzo, ascoltato dagli inquirenti, fornisce ogni chiarimento utile alla ricostruzione dei fatti

In relazione alle notizie apparse oggi su alcuni organi di stampa si conferma che nella giornata di ieri il Dott. Luigi Cajazzo, già Direttore Generale del Welfare di Regione Lombardia, assistito dai suoi legali, Fabrizio Ventimiglia e Davide Zaninetta, si è sottoposto ad un interrogatorio avanti gli inquirenti nel corso del quale ha fornito ogni utile chiarimento alla ricostruzione dei fatti oggetto dell’indagine condotta dalla Procura di Bergamo.

In particolare, il Dott. Cajazzo ha nuovamente ribadito di non aver mai impartito alcun ordine rispetto alla riapertura (pur legittima e avallata ex post) del Pronto Soccorso di Alzano Lombardo, rappresentando, altresì, di essersi battuto, in qualità di tecnico, anche con l’appoggio della politica, affinché si adottassero, sin da subito, misure più restrittive in ordine al contrasto e al contenimento della diffusione del virus.

Siamo, quindi, fiduciosi che detti chiarimenti abbiano fatto emergere la correttezza dell’operato non soltanto del Dirigente, ma anche della intera struttura di Regione Lombardia e dei suoi massimi rappresentanti politici ed istituzionali.

A cura dello Studio Legale Ventimiglia