Il nuovo regolamento europeo sugli imballaggi e i rifiuti di imballaggio
17148
post-template-default,single,single-post,postid-17148,single-format-standard,bridge-core-2.3.4,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-22.0,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-15713

Il nuovo regolamento europeo sugli imballaggi e i rifiuti di imballaggio

Il Parlamento Europeo ha approvato nei giorni scorsi a maggioranza il nuovo Regolamento imballaggi e rifiuti di imballaggio (Ppwr – Packaging and Packaging Waste Regulation).
I punti principali del testo sono:
1) riduzione generale e graduale degli imballaggi utilizzati (5% entro il 2030, 10% entro il 2035 e 15% entro il 2040)
2) maggior riduzione per gli imballaggi in plastica (10% entro il 2030, 15% entro il 2035 e 20% entro il 2040)
3) divieto di vendita di sacchetti di plastica molto leggeri (inferiori a 15 micron) a meno che non siano necessari per motivi igienici o forniti come imballaggio primario dei prodotti sfusi ;
4) forte limitazione, tranne che per i prodotti alimentari, delle confezioni monouso (ad. es prodotti da toilette negli hotel);
5) eliminazione per i prodotti ortofrutticoli in quantità inferiori a 1.5 Kg delle confezioni monouso (ad. es reti per le arance, cestini per i pomodori ecc.)
6) divieto assoluto della presenza di Pfas e bisfenolo A negli imballaggi a contatto con gli alimenti;
L’atto tuttavia non entrerà subito in vigore in quanto i successivi passaggi prevedono la valutazione del Regolamento approvato da parte del Consiglio UE e il negoziato del “trilogo” (Consiglio, Commissione e Parlamento).

a cura dell’Avv. Marco Dallavalle (dello Studio Legale Ventimiglia)